Fisioterapia: Le 5 procedure che NON andrebbero effettuate

da | Feb 28, 2017 | 0 commenti

Fisioterapia: Tra le società scientifiche Usa che hanno aderito all’iniziativa “Choosing Wisely”, mirata a identificare le pratiche da evitare perché inutili, costose e spesso dannose, non poteva mancare una voce importante come quella dei Fisioterapisti e le indicazioni in Fisioterapia.

Ecco la “Top 5 List” redatta dall’Apta (American physical therapy association).

Fisioterapia: Non usare metodi passivi

Fisioterapia

1) Non usare metodi passivi per facilitare la partecipazione a un programma di trattamento attivo. Quest’ultimo ha un impatto maggiore su dolore, mobilità, funzione e qualità di vita. Comunicare ai pazienti strategie di gestione passiva, invece che attiva, esaspera i timori e le ansie di molti pazienti riguardo all’essere fisicamente attivi in presenza di dolore.

Fisioterapia: Non prescrivere programmi sottodosati

Fisioterapia No programmi training sottodosati

2) Non prescrivere programmi di training sottodosati come forza per i più anziani. La migliorata resistenza nei più anziani si associa a miglior salute, qualità della vita e capacità funzionale, e a un ridotto rischio di cadute.

Fisioterapia: No Riposo a Letto per TVP

Fisioterapia No programmi training sottodosati

3) Non raccomandare riposo a letto dopo diagnosi di trombosi venosa profonda acuta (TVP) in seguito all’inizio della terapia anticoagulante, a meno che non siano presenti significativi motivi medici. I pazienti possono essere danneggiati da prolungato riposo a letto non medicalmente necessario.

Fisioterapia: Non usare sempre CPM

Fisioterapia macchine movimento passivo CPM

4) Non usare macchine per movimento passivo continuo (CPM) per la gestione post-operatoria dei pazienti dopo sostituzione totale del ginocchio non complicata. Il trattamento CPM non comporta effetti clinicamente importanti su estensione del ginocchio a breve o lungo termine, flessione del ginocchio a lungo termine, funzione a lungo termine, dolore e qualità della vita in pazienti sottoposti ad artroplastica totale di ginocchio. Ora, con la disponibilità di protocolli riabilitativi di supporto precoce, il ricorso al CPM, con costi e inconvenienti correlati al prolungato riposo a letto, dovrebbe essere valutato rispetto ai suoi limitati benefici.

Fisioterapia: Non usare vasche idromassaggio per la gestione delle ferite

Fisioterapia Idrommassaggio Gestione Ferite

5) Non usare vasche idromassaggio per la gestione delle ferite. I vortici sono una forma non-selettiva di sbrigliamento meccanico. L’uso di questo metodo predispone il paziente a rischio di cross-contaminazione batterica e danni a tessuti fragili da elevate forze da turbina. Si può ricorrere ad altre forme più selettive di idroterapia, come per esempio l’irrigazione diretta di una ferita o il lavaggio pulsato con aspirazione.

http://fonte
http://www.apta.org/PTinMotion/News/2014/9/15/ChoosingWiselyRelease/

Fammi sapere cosa ne pensi lasciando il tuo commento e se ti è piaciuto l’articolo condividilo
 

PS Se vuoi acquisire le giuste competenze nella gestione di uno IASTM Professionale in Terapia Manuale puoi iniziare leggendo il Primo libro sull’uso efficace di uno IASTM in Terapia Manuale.

Corso FAD Gratuito

Corso FAD 3 video 08

Vuoi imparare come trattare al meglio la Fascia e i tessuti molli?

Scopri come fare: inizia da questi 3 Video Gratis (+ di 1 ora e 30 minuti di formazione) per Fisioterapisti ed Osteopati che vogliono aumentare le competenze nel trattamento della Fascia in terapia manuale anche con l’uso di uno IASTM Professionale.

+ di 700 iscrizioni

Guarda subito il corso FAD gratuito!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.